Ti trovi in Home Notizie 29 LUGLIO: "I VOLTI SEGRETI DI GIOTTO"
29 LUGLIO: "I VOLTI SEGRETI DI GIOTTO" PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Luglio 2011 19:10

 

GIULIANO PISANI PRESENTA LE RIVELAZIONI DELLA CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI. UNA GUIDA TRA LE BELLEZZE E GLI ENIGMI DEL NOSTRO PATRIMONIO ARTISTICO

 

copertina_small_giottoChi è il personaggio raffigurato da Giotto in uno degli affreschi della Cappella degli Scrovegni, mentre regge sulle spalle il modellino della cappella? Come mai le allegorie dei Vizi e delle Virtù non seguono la classica sequenza dantesca? E che cosa ci fa l’immagine di un centauro sotto il trono di Cristo? Per conoscere le risposte a queste e molte altre domande l’appuntamento è a Cortina d’Ampezzo, il prossimo venerdì 29 luglio 2011. Sarà infatti Giuliano Pisani, autore de “I volti segreti di Giotto” (Rizzoli) il prossimo ospite di Una Montagna di Libri, la rassegna di incontri con l’Autore di Cortina d’Ampezzo, come sempre al Palazzo delle Poste, a partire dalle ore 18.

«Una splendida avventura intellettuale nel cuore dell’ispirazione di Giotto e dell’affascinante mondo del Trecento italiano», l’ha definita Antonia Arslan. E a condurre per mano lettori e pubblico in questa sorta di “inchiesta” investigativa sarà uno dei maggiori esperti della Cappella degli Scrovegni: Giuliano Pisani, già assessore alla Cultura del Comune di Padova, studioso del mondo classico e umanistico e a lungo docente al liceo “Tito Livio” di Padova. In una conversazione con l’esperta d’arte Serena Baccaglini.

Il Libro. La Cappella degli Scrovegni è uno dei gioielli più preziosi e più visitati del patrimonio artistico italiano. Tra il 1303 e il 1305 a Padova si produce un miracolo artistico che rinnoverà per sempre il linguaggio dell’arte trasformando di colpo la città veneta in una capitale della pittura. Negli affreschi della Cappella degli Scrovegni, Giotto dipinge figure vive, con una nuova sensibilità dello spazio e un talento inarrivabile nell’uso del colore. Giuliano Pisani ripercorre con la competenza dello studioso e con lo sguardo emozionato dell’osservatore la storia che si dispiega nei registri sovrapposti di immagini. Un vero e proprio viaggio nel tempo, per ricomporre i tasselli di un mosaico che oggi possiamo leggere in modo diverso. Superando, con un autentico colpo di scena, luoghi comuni antichi di 700 anni.

Appuntamento quindi venerdì alle ore 18.00, come sempre nel calore della Sala Cultura del Palazzo delle Poste di Cortina d’Ampezzo. A un passo da Corso Italia. Ingresso libero.

  • Save the date. E’ tutto pronto, intanto, per il prossimo appuntamento di Una Montagna di Libri. Sabato 30 luglio 2011, al Palazzo delle Poste, Luigi Mascheroni racconterà al pubblico il suo “Manuale della cultura italiana” (Excelsior 1881): una guida flaubertiana a tutto quello che c’è da sapere per ben figurare nei nostri salotti letterari
Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Luglio 2011 19:42
 
 

Galleria fotografica

Seguici su facebook