Ti trovi in Home Notizie "QUELLI CHE DISSERO NO": PASQUA CON PETACCO
"QUELLI CHE DISSERO NO": PASQUA CON PETACCO PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Aprile 2012 08:23

UN'ORA IN GALLERIA: DOMENICA MATTINA, MUSEO D'ARTE MODERNA MARIO RIMOLDI, ORE 11.30

copertina_petaccoQuelli che dissero no. Quelli che, all’indomani dell’8 settembre, prigionieri degli angloamericani, restarono fedeli al fascismo e al proprio credo politico. A questa massa di soldati, che la storiografia ha in parte dimenticato, è dedicato il nuovo best-seller di Arrigo Petacco, “Quelli che dissero no” (Mondadori). E sarà proprio Petacco il protagonista assoluto, la mattina della domenica di Pasqua, 8 aprile 2012, di Una Montagna di Libri, la rassegna di incontri con l’Autore di Cortina d’Ampezzo.

Un’ora in Galleria. Una Montagna di Libri non rinuncia al piacere di offrire agli ospiti e ai residenti un momento di grande letteratura anche nel periodo pasquale. E per l’ultimo degli appuntamenti del proprio cartellone, la rassegna si trasferisce al Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, stringendo un sodalizio culturale con l’importante realtà diretta da Alessandra de Bigontina, presso la “Ciasa de ra Regoles”, lungo Corso Italia. Un’ora in Galleria: la presentazione del libro di Petacco, fissata per le ore 11.30, avverrà tra i capolavori di Sironi, de Pisis, Savinio, de Chirico.

A introdurre l’autore sarà Alberto Sinigaglia, del quotidiano La Stampa, presidente onorario di Una Montagna di Libri. All’incontro, che chiude la V Edizione della rassegna, interverranno il Sindaco di Cortina Andrea Franceschi e l’Assessore alla cultura Giovanna Martinolli.

Il libro. “Ma tu con chi stai, con il duce o con il re?” E’ l’8 settembre 1943, il maresciallo Badoglio annuncia la firma dell’armistizio con gli Alleati. Circa seicentomila soldati italiani sono allora rinchiusi nei campi di prigionia inglesi e americani. L’annuncio della resa e della conseguente fuga di Vittorio Emanuele III a Brindisi consegna i nostri soldati a un tragico dilemma: dopo avere combattuto per anni contro un nemico preciso e riconosciuto, bisognava scegliere se passare o no dall’altra parte della trincea.

Di questa massa enorme di giovani una cospicua minoranza scelse di non collaborare. Restarono fascisti, talvolta pagandola cara. Tra costoro anche Giuseppe Berto e Alberto Burri, oltre a molti altri sui quali è calata la damnatio memoriae. Arrigo Petacco ricostruisce le storie di coloro che, all’appello di Badoglio a rientrare in patria, scelsero di rispondere no, restituendo loro voce e memoria.

Appuntamento quindi domenica di Pasqua, alle ore 11.30 del mattino, presso il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina d’Ampezzo. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Aprile 2012 08:30
 


 

In diretta da Cortina

Galleria fotografica

A cena con l'autore

Condividi

Seguici su facebook
Guarda il canale youtube di Una Montagna di Libri