Andrea De Carlo: Le persone che leggono sono socialmente scomode