Gianpaolo Romanato: Giacomo Matteotti, un italiano diverso