News

26/03/2021

EUROPA ROMANZA

Un viaggio alla ricerca delle radici linguistiche europee, tra la fine del Medioevo e l’inizio dell’età moderna. Dal Mediterraneo all’Inghilterra, dalla Penisola iberica al Mar Egeo, o lungo la porosa frontiera che corre a ovest e a sud del mondo germanico, Lorenzo Tomasin propone sette storie di donne e di uomini, di ebrei e di cristiani, di mercanti viaggiatori e di persone stanziali che vivono a contatto di più lingue, dentro o sui confini della Romània. Nei documenti che li riguardano, di solito dedicati a vicende private e in genere liberi da qualsiasi preoccupazione letteraria, i volgari italiani, il francese, lo spagnolo, il catalano, il provenzale si mescolano tra loro, oppure incontrano il greco, l’arabo, l’ebraico, l’inglese o il tedesco. Manoscritti conservati in archivio, in molti casi dimenticati per secoli, aprono cosí una via d’accesso insolita alla filologia romanza, cioè alla storia dei testi e delle lingue discese dal latino che uniscono l’Europa. Luoghi ed epoche in cui la pluralità delle lingue e il contatto quotidiano fra culture diverse hanno posto le basi per nuovi scambi, nuovi incontri, nuove destinazioni.
 
L'incontro con Lorenzo Tomasin intorno a "Europa romanza. Sette storie linguistiche" (Einaudi) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Domenica 28 Marzo 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri. Con Alessandro Zangrando e Francesco Chiamulera.
 
 

 

16/03/2021

FABIO CANTELLI ANIBALDI

«Il tossicomane che vuole morire è un'immagine buona per giornali e televisioni perché nessun uomo, forse nemmeno il suicida, vuole la morte. Essendo mortali, la morte non è questione di volerla quanto, semmai, di accettarla, di riconoscerla come destino. Il tossicomane non vuole la morte e muore proprio per questo, perché non sa accettarla».
La comunità di San Patrignano fondata da Vincenzo Muccioli è tema centrale del racconto di Fabio Cantelli, ma nelle sue pagine c’è molto altro. C’è il mistero dell’adolescenza e la disperata ricerca di un Assoluto immaginato come altrove perché non riconosciuto nel “qui e ora”. C’è il perseguire estasi al confine tra vita e morte, dove il sapere accademico e il giudizio morale balbettano e arrancano. C’è infine la grandezza di un uomo, Muccioli, degenerata in titanismo e megalomania con l’espansione incontrollata della comunità. Il tutto scandito da una scrittura inedita nella letteratura sulle tossicodipendenze, capace di saldare testimonianza e riflessione, disperazione individuale e disagio di civiltà. Fonte d’ispirazione per gli autori di Sanpa. Luci e tenebre di San Patrignano, documentario messo in onda su Netflix che tanta attenzione e clamore sta suscitando, il libro è però, innanzitutto, un’opera letteraria, un memoir bruciante e sofferto che trascende l’occasione che lo ha generato e rivela il talento di uno scrittore.
 
L'incontro con Fabio Cantelli Anibaldi intorno a "Sanpa. Madre amorosa e crudele" (Giunti) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Sabato 20 Marzo 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri. Con Francesco Chiamulera e Giovanni Viafora.
 
 

 

01/03/2021

MASSIMO LOPEZ E SANTE ROPERTO

All’improvviso, un vecchio baule: bell’inizio, per la storia di un attore. E in effetti il «tesoretto» di lettere e diari di sua madre Gigliola e di sua nonna Titina, ritrovato in una soffitta, si trasforma per Massimo Lopez in un vero e proprio viaggio, non solo nella memoria. Decide di ricostruire tappa per tappa il passato della sua famiglia vagabonda, che girava di città in città seguendo il lavoro del padre. Cosa è rimasto delle case che ricorda? La villa di Napoli conserva ancora le tracce del passaggio della ragazza che era sua nonna e del suo amore per un giovane nobile inquieto? Nell’appartamento di Milano, tendendo l’orecchio, si possono sentire i gorgheggi di Gigliola che cantava sulle note di Paul Anka e Frank Sinatra, riordinando dopo l’ennesimo trasloco? Il palazzo di Roma in cui lui, da piccolo, si faceva invitare a pranzo da Walter Chiari sarà cambiato o è rimasto tutto come allora? Un memoir inatteso, on the road, sulle vie bizzarre del destino: perché la professione di Massimo sarà anch’essa un viaggio, nei teatri e sui set televisivi di quelle stesse città e di molte altre, da solista o a fianco del Trio.
 
L'incontro con Massimo Lopez e Sante Roperto intorno a "Stai attento alle nuvole" (Solferino) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Sabato 6 Marzo 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri.
 
 

 

22/02/2021

CARLO VERDONE

Fotografie. Nascoste dentro cassetti, infilate nelle pagine di vecchi libri, ammucchiate alla rinfusa in uno scatolone. La memoria è una scatola. Aprirla, guardare, ricordare, raccontare sono atti naturalmente concatenati nel nuovo libro di Carlo Verdone. La carezza della memoria è il disordine delle immagini in cui si imbatte, immagini dal passato. Ogni racconto che lo compone è un momento di vita rivisitato dopo tanto tempo: dal legame col padre ai momenti condivisi con i figli, dai primi viaggi alla scoperta del mondo alle trasferte di lavoro, dalle amicizie romane a un delicato amore di gioventù. Ovunque, sempre, il gusto per l’osservazione della commedia umana, l’attenzione agli altri – come sono, come parlano, come si muovono – che nutre la creazione dei personaggi cinematografici, e uno sguardo partecipe, a tratti impietoso a tratti melanconico su Roma, sulla sua gente, sul mondo. Leggendo Carlo Verdone si incontrano celebrità e persone comuni, ugualmente illuminate dallo sguardo di un artista e di un uomo da sempre attento, per indole, vocazione e professione, all’altro da sé.
 
L'incontro con Carlo Verdone intorno a "La carezza della memoria" (Bompiani) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Venerdì 26 Febbraio 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri.
 
 

 

20/02/2021

PAOLO MIELI

Balzac scriveva che “i ricordi rendono la vita più bella, dimenticare la rende più sopportabile”. Borges nel racconto La biblioteca di Babele lascia che i suoi personaggi individuino nell’oblio “una forma di memoria”. Già Dante alla fine del Purgatorio vuole che il fiume Lete permetta alle anime dirette al Paradiso di lavarsi dei propri peccati, rimuovendo così la memoria delle cose cattive del passato. La letteratura ha toccato il tema dell’oblio, e oggi, secondo Paolo Mieli, è necessaria una una terapia a base di oblio anche in ambito storico e politico. Per mettere in luce i danni da “eccesso di memoria”, prende in esame decine di eventi ed episodi del nostro passato, dalla storia antica al Medioevo fino ai nostri giorni: dal ruolo di Caracalla imperatore di Roma a Carlo Magno, da Bisanzio “oscurata” da Costantinopoli alla Napoli rivoluzionaria di fine Settecento. Racconta le origini della mafia, l’eredità del fascismo italiano e del nazismo tedesco, indagando il non detto che segna il racconto della Resistenza e spingendosi a commentare il discorso pubblico del nostro presente. Tra virus, pandemie, ipotesi cospirazioniste. “Gli storici avrebbero dovuto far argine in qualche modo al dilagare della memoria”, spiega, perché “quando si hanno idee forti sul presente, è pressoché inevitabile che quelle idee si impongano sulle interpretazioni del passato.” Eppure, dobbiamo fare di tutto per evitarlo.
 
L'incontro con Paolo Mieli intorno a "La terapia dell'oblio" (Rizzoli) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Sabato 20 Febbraio 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri.
 
 

 

06/02/2021

STORIE MONDIALI

I Mondiali di Sci di Cortina 2021 sono qui. Due settimane di sport, competizioni ed emozioni da domenica 7 febbraio al 21 febbraio. In occasione dei Mondiali, Una Montagna di Libri Cortina d’Ampezzo, festa internazionale della letteratura protagonista della stagione ampezzana, ha in programma dal cuore della Regina delle Dolomiti lancia una rubrica quotidiana. Si intitola infatti Storie Mondiali la webserie con ospiti, racconti di sport e memoria, dirette dalle piste che il festival propone in streaming live.
 
Dalla Valanga azzurra agli atleti di oggi
Libri sulla neve, dirette dalle Tofane, memorie cortinesi
 
Storie di sci ed emozioni. Interviste ai protagonisti dello sport. Memorie dall’epopea novecentesca di discese, di neve e di turismo che Cortina d’Ampezzo ha rappresentato nell’immaginario collettivo. E sullo sfondo, la bellezza incomparabile delle montagne e delle piste da sci. La webserie Storie Mondiali racconterà tutto questo e molto di più, in forma digitale e interattiva sui social Facebook, YouTube e Instagram di Una Montagna di Libri. Una rubrica con cadenza quotidiana, veloce come una sciata (tra i 10 e i 20 minuti), per punteggiare tutti i Mondiali di Cortina 2021. Si comincia venerdì 5 febbraio, con la presentazione ufficiale dell’iniziativa; i riflettori sono poi puntati in modo particolare su domenica 7, quando, a poche ore dall’inaugurazione dei Mondiali, Francesco Chiamulera e Manuela Croci racconteranno in una diretta Milano – Cortina come il paese vive le ore emozionanti a ridosso dell’inizio della competizione; e poi spazio, fino al 20 febbraio, a dirette dal Super G, sulle Tofane, con l’ex atleta ampezzana Wendy Siorpaes (9 febbraio), collegamenti a tutto sci con il vicedirettore di SkySport Giovanni Bruno (11 febbraio), sulle “Montagne Rosa” con Massimiliano Ossini (13 febbraio), sul racconto dello sport con Giovanni Viafora del Corriere della Sera (18 febbraio). E ancora approfondimenti sulla Valanga Azzurra, sugli atleti ampezzani del passato, sulla storia degli impianti di risalita e delle funivie della Tofana e del Faloria, sugli scrittori che hanno raccontato la neve, da Goffredo Parise a Orhan Pamuk. E sui traguardi futuri, col pensiero alle Olimpiadi del 2026.
 
Il programma
 

Domenica 7 febbraio 2021 | Ore 14

Benvenuti a Cortina 2021

Diretta CorriereTv del Corriere della Sera 
Ritratto di Cortina a poche ore dall’inizio 
con Manuela Croci e Francesco Chiamulera

 

Lunedì 8 febbraio 2021 | Ore 16 

Dolomiti e futuro

Cultura e montagna: un paese attraverso il Novecento

 

Martedì 9 febbraio 2021 | Ore 14.30

In diretta dalla Tofana

Super G, neve, atleti e performance
in collegamento dalle piste con Wendy Siorpaes

 

Mercoledì 10 febbraio 2021 | Ore 14.30

La valanga azzurra

Come lo Sci cambiò l’Italia del dopoguerra
a cura di Francesco Chiamulera

 

Giovedì 11 febbraio 2021 | Ore 14.30

Donne in pista, ieri e oggi

Da Cellina Seghi a Brignone, Goggia, Bassino
in collegamento con Giovanni Bruno 
Vicedirettore SkySport

 

Sabato 13 febbraio 2021 | Ore 18

Montagne rosa (su sfondo bianco)
Viaggio invernale alla scoperta delle Dolomiti
con Massimiliano Ossini

 

Domenica 14 febbraio 2021 | Ore 14

In diretta dalla Tofana
La grande sorpresa della discesa libera maschile, neve, atleti e performance
in collegamento dalle piste con Silvano Varettoni 
Eurosport

 

Lunedì 15 febbraio 2021 | Ore 14.30

Generazioni a confronto
Emozioni uniche. Ma i giovani sciano meno di ieri?
Commentando i Mondiali con Paolo De Chiesa

 

Mercoledì 17 febbraio 2021 | Ore 14.30

Dal Barone Franchetti alla Freccia nel Cielo

Futurismo alpino: Cortina alla conquista delle vette
a cura di Francesco Chiamulera

 

Giovedì 18 febbraio 2021 | Ore 14.30

Il racconto dello sport

Nuovi media, nuove tecnologie.
Cosa salvare e cosa cambiare del giornalismo sportivo oggi
in collegamento con Giovanni Viafora Corriere della Sera

 

Venerdì 19 febbraio 2021 | Ore 14.30

Accadde a Cortina

Goffredo Parise sciatore. E gli altri scrittori
a cura di Francesco Chiamulera

 

Sabato 20 febbraio 2021 | Ore 18

La mia Cortina

Memorie ampezzane di uno sciatore speciale
con Paolo Mieli         

 

Domenica 21 febbraio 2021 | Ore 14.30

Cortina 2026. E oltre

Verso nuovi traguardi

 

 

01/02/2021

RICCARDO FALCINELLI

Perché la stessa chiesa di Santa Maria della Salute a Venezia, dipinta negli stessi anni da Guardi e da Canaletto, in uno è ritratta intera, nell’altro ha la cupola a metà? E perché Degas “taglia” i piedi alle sue ballerine? Perché il protagonista di un romanzo di Émile Zola si uccide davanti a un enorme rettangolo? Perché in Occidente i paesaggi sono dipinti in orizzontale, e quindi se fotografiamo con lo smartphone le Dolomiti tendiamo a ribaltare il dispositivo, mentre in Oriente i paesaggi sono spesso ritratti in verticale? Perché la maggior parte dei nudi maschili in pittura è raffigurata in piedi, mentre i nudi femminili sono quasi sempre sdraiati? Riccardo Falcinelli, uno dei più apprezzati visual designer sulla scena della grafica italiana, risponde a queste e molte altre domande. Spesso davanti a un quadro ci domandiamo che cosa significhi, quali fossero gli intenti del pittore, come si collochi nell’epoca in cui è stato realizzato: ma così la storia dell’arte rischia di essere una spiegazione solo di storia, anziché di arte. Falcinelli adotta un paradigma diverso. Invece di cercare il «significato» delle immagini, entra nel loro ingranaggio, le tratta non come simboli da decifrare, bensì come meccanismi da smontare. Ci spiega in che modo sono state progettate e costruite, e perché. 
 
L'incontro con Riccardo Falcinelli intorno a Figure (Einaudi) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Sabato 6 Febbraio 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri.
 
 

 

27/01/2021

VERTIGINE BIANCA

Velocità, audacia, coraggio, tenacia, passione. Il grande racconto dello sci si compone di un secolo di emozioni che dall’arco alpino hanno toccato tutti i continenti. Discese, record, imprese spettacolari prima riferite e narrate, poi mostrate dalle telecamere di tutto il mondo: e le Olimpiadi invernali di Cortina 1956 furono in questo un vero apripista. Lo sci è lo sport moderno per antonomasia, una disciplina in cui la competizione non esiste senza la velocità, senza la suspence e il fiato sospeso, ma anche senza una tecnologia in costante evoluzione. In un pomeriggio speciale, a pochi giorni dai Mondiali di Sci di Cortina 2021, un giornalista che è anche un grande appassionato di sci torna sulle storie uniche degli atleti che hanno fatto la gloria di questo sport. Aldo Cazzullo mette in scena un’epopea che dalla storia arriva ai giorni nostri: da Toni Sailer a Gustav Thoeni, da Ingemar Stenmark a Alberto Tomba, da Deborah Compagnoni a Giorgio Rocca, fino alle nuove generazioni di Sofia Goggia, Federica Brignone, Marta Bassino, Christof Innerhofer, Dominik Paris. E tanti altri. Con la presenza sul palco del grande Ghedo, Kristian Ghedina, leggenda ampezzana, e con l’aiuto di immagini, musiche e filmati, cerchiamo nelle imprese di ciascuno di loro, pur così diversi nel tempo e nelle biografie, una scintilla comune. Una vertigine bianca.
 
Vertigine Bianca. L'incontro con Aldo Cazzullo e Kristian Ghedina a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Sabato 30 Gennaio 2021, alle ore 15in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri.
 
 

 

24/01/2021

A RIVEDER LE STELLE

Dante è il poeta che inventò l’Italia. Non ci ha dato soltanto una lingua; ci ha dato soprattutto un’idea di noi stessi: il «bel Paese» dove si dice «sì». Una terra unita dalla cultura e dalla bellezza, destinata a un ruolo universale, che raccoglie l’eredità dell’Impero romano e del mondo classico; ed è la culla della cristianità e dell’umanesimo. L’Italia non nasce da una guerra o dalla diplomazia, nasce dai versi di Dante. Che è il poeta delle donne. È solo grazie alla donna – scrive – se la specie umana supera qualsiasi cosa contenuta nel cerchio della luna, vale a dire sulla Terra. E Beatrice, la donna amata, per Dante è la meraviglia delle meraviglie. Aldo Cazzullo ha scritto il romanzo della Divina Commedia. A settecento anni dalla sua morte, ha ricostruito parola per parola il viaggio di Dante nell’Inferno. Gli incontri più noti, da Ulisse al conte Ugolino. La fierezza di Farinata degli Uberti, la bestialità di Vanni Fucci, la saggezza di Brunetto Latini. Nello stesso tempo, Cazzullo racconta l’altro viaggio di Dante: quello in Italia. Dal lago di Garda a Scilla e Cariddi, dalle terre perdute dell’Istria e della Dalmazia all’Arsenale di Venezia, alla bellezza e gli scandali di Roma, Genova, Firenze. Dante è severo con i compatrioti, ma nello stesso tempo esalta la nostra umanità e la nostra capacità di rinascere dopo le sventure, le guerre, le epidemie. Sino a «riveder le stelle».
 
L'incontro con Aldo Cazzullo intorno a A riveder le stelle (Mondadori) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Venerdì 29 Gennaio 2021, alle ore 18in Live streaming sulla pagina Facebook, sul canale YouTube e sul profilo Instagram di Una Montagna di Libri. Con Alessandro Russello.
 
 

 

24/01/2021

UNA MONTAGNA DI LIBRI PER CORTINA 2021

Fervono i preparativi per i Mondiali di Sci di Cortina 2021, che si terranno nonostante la pandemia. E accanto alle emozioni dello sport e degli atleti sulla neve un intero cartellone di incontri, di cultura e di emozioni dedicato ai Mondiali è in programma dal cuore della Regina delle Dolomiti: è il ricchissimo programma che propone in diretta streaming dalle montagne per gennaio e febbraio 2021 la XXIII Edizione di Una Montagna di Libri Cortina d’Ampezzo, festa internazionale della letteratura protagonista della stagione ampezzana. 

Autori, idee, e sullo sfondo, la bellezza incomparabile delle montagne e delle piste da sci. Gli incontri di Una Montagna di Libri, tutti in streaming online gratuito, saranno in forma digitale e interattiva sui social Facebook, YouTube e Instagram. Si comincia venerdì 29 gennaio, con la presentazione dell’ultimo libro di Aldo Cazzullo, “A riveder le stelle” (Mondadori); i riflettori sono poi puntati in modo particolare su Sabato 30 gennaio, alle 14.30, con “Vertigine Bianca”, un evento speciale dedicato ai Mondiali 2021 sempre con Aldo Cazzullo e con l’icona ampezzana dello sci Kristian Ghedina: che insieme, entrambi in diretta da Cortina, con l’aiuto di immagini e video, faranno una storia che sarà spettacolo e rievocazione dei grandi campioni della storia dello sci, da Toni Sailer a Gustav Thoeni, da Alberto Tomba a Deborah Compagnoni, fino alle nuove generazioni di Sofia Goggia, Federica Brignone, Marta Bassino, Christoph Innerhofer. E poi molti incontri a febbraio. Quando a calcare le scene del festival saranno protagonisti della letteratura, del giornalismo e delle arti, come Riccardo Falcinelli (6 febbraio), Massimiliano Ossini (13 febbraio), che nel cuore dei Mondiali racconterà le “sue” Dolomiti e la neve, Mario Andreose (14 febbraio), Paolo Mieli (20 febbraio).
 
A chiudere l’incredibile cartellone di eventi di febbraio di Una Montagna di Libri, a Mondiali appena finiti, sarà Carlo Verdone con il nuovissimo libro “La carezza della memoria” (Bompiani), il 26 febbraio, per una delle prime presentazioni italiane. E poi, a marzo, Massimo Lopez, Camilla Baresani, e molti altri.