News

02/10/2018

JOHN HEMINGWAY

Un complesso rapporto legò Ernest Hemingway al figlio Gregory, che, come scrisse lo stesso Ernest, assomigliava più di tutti a lui, sia fisicamente ("un piccolo Thomas Hudson in miniatura", si legge nel romanzo Isole nella Corrente), sia in alcuni lati del carattere, e nella passione per la pesca, le donne e la caccia. Ma Gregory fu un figlio che del padre finì per ereditare anche un certo lato oscuro (soffrirono entrambi di malattia bipolare ed entrambi erano affascinati dall'androginia), nonché le stesse debolezze, fragilità, spinte autodistruttive. John Hemingway, alla terza generazione, in un eccezionale ritorno a Cortina degli Hemingway, tesse un ricordo del nonno e un elogio del padre. Scopre come sia stato difficile vivere accanto a lui, così fragile ed eccentrico per l'abitudine di indossare abiti da donna, lottando con la parte femminile del proprio io. Un'abitudine che Gregory aveva sviluppato durante l'infanzia ed era nota allo stesso Ernest, che l'aveva sorpreso a indossare un paio di calze della madre e nonostante il noto machismo non se n'era meravigliato. Anzi, riconobbe in lui una bizzarra tendenza degli Hemingway. Tanto da esclamare: "Gregory, io e te proveniamo da una strana tribù".
 
L'incontro con John Hemingway intorno a Una strana tribù (Marlin Editore) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Martedì 23 Ottobre 2018, alle 10.30, presso il Cinema Eden di Cortina, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
27/08/2018

IL SUCCESSO DI UNA MONTAGNA DI LIBRI

Con oltre dodicimila partecipanti, 45 eventi e una carrellata di ospiti di eccezione nei giorni di luglio e agosto 2018 si attesta il successo di Una Montagna di Libri, la festa internazionale della lettura di Cortina d’Ampezzo protagonista della stagione della Regina delle Dolomiti. Giunta al nono anno di vita e alla sua XVIII Edizione (due edizioni annuali, estate e inverno), la kermesse ha alternato sul palco in due mesi di eventi a ritmo serrato - uno e più al giorno, tutti i giorni - oltre settanta tra scrittori, giornalisti, registi e artisti.

La riuscita della manifestazione è stata confermata dall’accoglienza entusiasta di turisti e residenti che hanno applaudito, tra gli altri, due Premi Pulitzer: il vincitore 2018 Andrew Sean Greer e la grande Elizabeth Strout, e poi l’autore di Chiamami col tuo nome André Aciman, che ha riempito il Cinema Eden, l’architetto internazionale João Nunes con la sua lezione su paesaggio e futuro organizzata in collaborazione con Fondazione Cortina 2021, l’attrice Laura Morante, i finalisti del Premio Campiello, in un pomeriggio di emozioni, e ancora la lezione su Philip Roth tenuta da Gian Arturo Ferrari, l’incontro di eccezione con il disegnatore Giorgio Cavazzano e la maratona di lettura da “Lolita”, che ha coinvolto centinaia di lettori su Corso Italia.

Al Cinema Eden, al Miramonti Majestic Hotel e al Palazzo delle Poste Una Montagna di Libri ha segnato regolarmente il tutto esaurito con i nuovi libri di protagonisti dell’informazione come Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, Claudio Cerasa, direttore del Foglio, Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano. E’ stato, tra gli altri, Enrico Mentana a raccogliere un pubblico record all’Alexander Hall di Cortina, successo bissato da Corrado Augias, da Bruno Vespa, Gennaro Sangiuliano e dall’incontro sulla storia del comunismo con Paolo Mieli.

A Una Montagna di Libri anche le nuove uscite e le parole di Manolo, Matteo Righetto, Giancarlo De Cataldo, Antonio Monda, Andrea di Robilant, Cristiano Seganfreddo, Eliana Liotta, Francesco Vidotto, Alejandro Solalinde, Fabio Sattin, Alessandro Wagner, Matteo Zoppas, Carlo Nordio, Antonia Klugmann. E tanti altri.

“Siamo felici di avere dato voce ancora una volta nel cuore della stagione alla letteratura italiana e straniera nella capitale dei libri in montagna, Cortina d’Ampezzo”, spiegano gli organizzatori. “Nella Regina delle Dolomiti, Una Montagna di Libri tiene salde le sue radici nel territorio per parlare con molte lingue, oltre i confini. In attesa di festeggiare, nel 2019, il decimo anno di attività”.

Save the date

Il prossimo appuntamento di Una Montagna di Libri sarà lunedì 24 settembre 2018. A Cortina d’Ampezzo Grazie Obama!: un evento unico con David Litt, Senior speechwriter di Barack Obama, giovane autore di discorsi per la Casa Bianca e scrittore delle migliori battute dell’ex presidente americano. Ore 18, Cristallo Resort & Spa. 

26/08/2018

DAVID LITT

Come molti ventenni, David Litt si è spesso sentito in imbarazzo davanti al capo del suo capo. A differenza degli altri coetanei, però, il capo del boss di Litt era il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. A soli ventiquattro anni, Litt è diventato uno dei più giovani autori di discorsi della Casa Bianca che la storia ricordi: senior speechwriter per il Presidente degli Stati Uniti. Oltre ad aver affrontato nei suoi scritti questioni importanti come il cambiamento climatico e la riforma della giustizia penale, è stato la “musa comica” del presidente, artefice di numerose battute argute e di frasi scherzose entrate nella storia. A Cortina d'Ampezzo, insieme agli aneddoti sul dietro le quinte della Casa Bianca, dell’Air Force One, del Consiglio di Sicurezza Nazionale, David Litt userà la sua esperienza per affrontare una delle questioni più importanti di oggi: l'eredità e il futuro del movimento di Obama nell'epoca di Donald Trump.
 
L'incontro con David Litt intorno a Grazie, Obama (HarperCollins Italia) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Lunedì 24 Settembre 2018, alle 18, presso il Cristallo Resort & Spa di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
23/08/2018

GENNARO SANGIULIANO

Apparso per le Edizioni del Borghese cinquant’anni fa, l’Ideario di Prezzolini raccoglie testi sparsi che coprono un arco di tempo di quasi sessant’anni: sentenze, aforismi, riflessioni, provocazioni e paradossi ordinati alfabeticamente, dalla A di “Abiti” («Si dice che l’abito non fa il monaco; è vero: ma l’aiuta ad esserlo») alla W di “Welfare State” («Nessun Stato è caritatevole, come dovrebb’essere quello cristiano; perché è soltanto interessato»). Gennaro Sangiuliano, appassionato lettore di Prezzolini e grande conoscitore del pensiero conservatore, ragiona sull’attualità di questo pensatore e della sua opera pungente. A chi può essere utile rileggere Prezzolini oggi? Condensato di idee “contro” e abecedario di un modo di stare al mondo, l’«antologia di idee» di Giuseppe Prezzolini contiene la sua filosofia, le sue opinioni, i suoi guizzi, le sue idiosincrasie. Il suo genio precoce.
 
L'incontro con Gennaro Sangiuliano intorno a L'Ideario di Giuseppe Prezzolini (Nino Aragno) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Giovedì 23 Agosto 2018, alle 21, presso il Miramonti Majestic G.H. di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
23/08/2018

ALEJANDRO SOLALINDE

«Plata o plomo»: soldi o una pallottola. Ogni anno in Messico transitano mezzo milione di migranti indocumentados che dal Centroamerica in preda alla violenza tentano di raggiungere gli Stati Uniti in cerca di un futuro migliore. Sulla loro strada trovano la ferocia dei narcos, banditi che - oltre a far soldi con la droga - si arricchiscono sulla pelle dei migranti grazie a rapimenti, traffici di organi, schiavismo e prostituzione. Alejandro Solalinde non è rimasto a guardare. Dopo una vita da prete «normale», ha aperto le porte del cuore e di casa agli stranieri che cercavano un rifugio. Non ha taciuto, padre Alejandro. Ha denunciato i soprusi dei trafficanti, le connivenze della politica, la corruzione della polizia. I narcos gliel’hanno giurata: sulla sua testa pende una taglia di un milione di dollari. Di qui le minacce, i tentati omicidi, una scorta di 4 uomini per difendere un uomo che difende gli indifesi.
 
L'incontro con Alejandro Solalinde intorno a I narcos mi vogliono morto (Editrice Missionaria Italiana) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Domenica 26 Agosto 2018, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
23/08/2018

PREMIO CORTINA 2018

Sei autori, tanti libri, una montagna di storie. Anche quest’anno il Premio Cortina d'Ampezzo porta insieme in un pomeriggio cortinese alcune delle opere migliori della narrativa italiana. A Cortina d'Ampezzo, incontriamo Omar Di Monopoli, Giuseppe Di Piazza, Adalberto Maria Merli, finalisti del Premio Cortina; ed Enrico Camanni, Franco Faggiani, Alfredo Paluselli, finalisti del Premio della Montagna. Che racconteranno le proprie storie, in un’ora di emozioni e scoperte al vertice della letteratura. 
 
L'incontro con i Finalisti del Premio Cortina d'Ampezzo è per Sabato 25 Agosto 2018, alle ore 17.30, presso il Cinema Eden di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
23/08/2018

PAOLO MIELI

Dalla Rivoluzione d’ottobre alla caduta del muro di Berlino Paolo Mieli ci accompagna in un viaggio attraverso i temi chiave della storia del comunismo: la presa del potere di Stalin, il terrore, il ruolo dell’URSS nel conflitto mondiale, la guerra fredda, i rapporti con l’Italia fino alla perestroijka di Gorbačëv, il crollo del muro, Eltsin e l’avvento di Putin. Come su una ideale Piazza Rossa, vediamo sfilare 50 uomini che ne sono stati protagonisti – da Lenin a Dubčeck, da Gramsci a Berlinguer, da Aragon a Calvino. Ritratti veri, appassionati, talvolta irriverenti perché “quando studi la Storia devi essere in grado di lodare le luci e denunciare le ombre”.
 
L'incontro con Paolo Mieli intorno a La storia del comunismo in 50 ritratti (Centauria) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Venerdì 24 Agosto 2018, alle 18, presso il Miramonti Majestic G.H. di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
21/08/2018

CARLO NORDIO E MATTEO ZOPPAS

Dal 1963, quando a vincere la prima edizione fu Primo Levi, con La tregua, a quelle degli ultimi anni, una carrellata di letteratura italiana si ritrova in mezzo secolo di storia del Premio Campiello. A ripercorrere l’albo d’oro del riconoscimento sembra di leggere l’autobiografia della narrativa italiana recente: Giuseppe Berto, Ignazio Silone, Giorgio Bassani, Mario Soldati, e ancora, Carlo Sgorlon, Mario Rigoni Stern, Giovanni Arpino, Antonio Tabucchi, Enzo Bettiza. Ma il Campiello è anche una creazione unica degli imprenditori veneti, giunto alla 56a edizione. Un modello virtuoso, quello del Nordest, terra di talenti e competenze, di un’economia che non rinuncia al suo ruolo di propellente della cultura. Che fa circolare le idee. A Cortina, Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei letterati del Campiello 2018, e Matteo Zoppas, presidente della Fondazione Il Campiello, ripercorrono un’avventura culturale e si interrogano sul carattere profondo dei veneti di ieri, di oggi e di domani.
 
L'incontro con Carlo Nordio e Matteo Zoppas a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Giovedì 23 Agosto 2018, alle ore 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
19/08/2018

IL MIO PHILIP ROTH

“Rimane il fatto che, in ogni modo, capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando”. In questo 2018 la letteratura occidentale ha perso uno dei suoi grandi protagonisti, Philip Roth, autore di capolavori come Lamento di Portnoy (1969), Lo scrittore fantasma (1979), Patrimonio (1991), Everyman (2006), Pastorale Americana (1997): un libro, quest’ultimo, “in cui tutti i fili si raccolgono in un unico nodo: il fallimento dell’America generosa e aperta della sua giovinezza; l’orribile, e incomprensibile, nichilismo delle nuove generazioni; la catastrofe del bell’amore e delle belle coppie; il disastro delle vite personali”. Gian Arturo Ferrari, con il passo del grande esperto e la conoscenza ravvicinata da grande editore di Roth quale è stato, ci conduce alla scoperta di un autore nei mille rivoli della sua prosa e delle storie che hanno affascinato una generazione di lettori.
 
La lezione di Gian Arturo Ferrari Il mio Philip Roth  a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Mercoledì 22 Agosto 2018, alle 18, presso il Palazzo delle Poste di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
19/08/2018

ELOGIO DEL BUON IMPRENDITORE

Esiste una maniera “sana e profittevole” di arricchirsi e al contempo di arricchire la società? Alessandro Wagner ha riletto e riscoperto un manuale del ‘400 che mostra tutta la sua attualità proprio mentre la finanziarizzazione dell'economia e le susseguenti crisi sembrano minare le regole di base degli affari. Il Libro de l'arte de la mercatura di Benedetto Cotrugli inquadra il mercante come un "uomo universale", chiarendo che la precisione e la pulizia contabile sono solo uno dei tre perni su cui si regge l'arte del business, accanto alle tecnicalità operative di una attività d'impresa e alle caratteristiche intellettuali, professionali e umane di chi la esercita. Le intuizioni e gli insegnamenti intramontabili del primo trattato sull'arte di fare business, rimasto nell'oblio per oltre cinque secoli, tornano a indicare la strada. Per i “capitani d’impresa” di domani.
 
L'incontro con Alessandro Wagner e Fabio Sattin intorno ad Arricchirsi con onore (Longanesia Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per Lunedì 21 Agosto 2018, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.