News

08/04/2019

COSTANTINO D'ORAZIO

La storia dell’arte può essere raccontata in diversi modi: attraverso gli stili, le tecniche, i movimenti, le committenze, i linguaggi degli artisti. Costantino D’Orazio sceglie un’altra strada, e ci invita a una cavalcata nel tempo, dall’antichità al XX secolo, per scoprire come gli artisti hanno descritto le emozioni. Ci sono personaggi che in oltre duemila anni di storia sono diventati icone di certe emozioni: Eros e Psiche per il desiderio, Prometeo per il tormento, Medusa per il delirio. Altri hanno avuto un ruolo fondamentale in un particolare periodo storico, come gli eroi della guerra di Troia o i Santi, per poi sparire dal repertorio più diffuso. Dai reperti archeologici ai capolavori del Rinascimento, fino alle invenzioni del Barocco e del Romanticismo, l’arte offre un tumulto di emozioni. Costantino D’Orazio accompagna il pubblico tra capolavori noti e opere più ricercate per farci scoprire come gli artisti abbiano rappresentato il Desiderio, il Delirio, il Tormento, lo Stupore, il Dubbio e l’Allegria.

Costantino D'Orazio è storico dell’arte presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Curatore del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma – dal 2014 al 2017, collabora con l’Università LUISS e l’Università LINK Campus. Conduce la rubrica AR-Frammenti d’Arte su Rainews24 e il programma Bella davvero su Radio2. Oltre a numerosi cataloghi di mostre, ha pubblicato Caravaggio segreto (2013), Leonardo segreto (2014), Raffaello segreto (2015), Michelangelo (2016) e Ma liberaci dal male (2017) per Sperling&Kupfer e Andare per ville e palazzi (2015) per il Mulino.
 
L'incontro con Costantino D'Orazio intorno a L'arte in sei emozioni (Laterza) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 20 aprile 2019, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Interviene Marisa Fumagalli. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
14/03/2019

LUCA MERCALLI

T come Tempo. Il tempo che inizia a mancare per comprendere che quella climatica e ambientale è un'emergenza di cui dobbiamo preoccuparci. Siamo un pezzo di natura, lo dice la scienza ecologica, e se la natura si degrada anche noi facciamo la stessa fine. Tanto più in epoca di riscaldamento globale che, inducendo fenomeni meteorologici estremi - alluvioni, siccità, ritiro dei ghiacciai e aumento dei livelli marini - minaccia il benessere dei nostri figli e nipoti. Eppure ci sono molti modi per risparmiare energia evitando di aggravare l'inquinamento atmosferico o per non sprecare inutilmente le risorse naturali che scarseggiano mettendo a rischio il futuro. Luca Mercalli lo dice e lo scrive da oltre vent'anni. A Cortina, propone un compendio di riflessioni, prendendo lezioni di metodo e di vita da Primo Levi.
 
Luca Mercalli (Torino, 1966), climatologo, direttore della rivista Nimbus, presiede la Società Meteorologica Italiana. Si occupa di ricerca su climi e ghiacciai alpini e insegna sostenibilità ambientale in scuole e università in Italia (Università di Torino-SSST, Università di Scienze Gastronomiche Pollenzo), Svizzera e Francia. Vive in una casa a energia solare, viaggiando in auto elettrica e coltivando l'orto. E' consulente dell'Unione Europea e consigliere scientifico dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Per RAI ha lavorato a "Che tempo che fa", "Scala Mercalli" e "TGMontagne" e ora su Rainews. Editorialista per La Stampa e Il Fatto Quotidiano, ha al suo attivo migliaia di articoli. Tra i suoi libri: Filosofia delle nuvole, Che tempo che farà, Viaggi nel tempo che fa, Prepariamoci, Il mio orto tra cielo e terra, Non c'è più tempo, e il libro per bambini Uffa che caldo.
 
L'incontro con Luca Mercalli intorno a Non c'è più tempo (Einaudi) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 30 marzo 2019, alle 18, presso il Palazzo delle Poste di Cortina. Interviene Francesco Chiamulera. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
03/03/2019

ANDREA MONTI

Da Pietro Mennea a Roberto Baggio, da Marco Pantani a Valentino Rossi, da Adriano Panatta a Dino Meneghin, da Alberto Tomba a Federica Pellegrini, da Valentina Vezzali ai fratelli Abbagnale, dalle Ferrari vincitrici a Monza agli azzurri di Enzo Bearzot. Bastano questi nomi per evocare ricordi ed emozioni, esultanze e delusioni cocenti, un comune sentire che ha saputo unire il nostro Paese, da Nord a Sud. A raccontare questi momenti, la penna di Candido Cannavò, un direttore che è stato capace di grandi battaglie per le regole e i valori ma anche di commozione per gli exploit dei nostri campioni, scrivendo indimenticabili editoriali sulle prime pagine della «rosea». Andrea Monti, che ne ha raccolto il testimone, ricostruisce a Cortina i tasselli di una grande avventura collettiva: il calcio ma anche le altre grandi discipline che in questi decenni hanno fatto battere il cuore degli italiani, dal ciclismo alla pallacanestro, passando, ovviamente, per gli sport invernali. Con un occhio alla candidatura olimpica di Milano - Cortina.

 

 

L'incontro con Andrea Monti intorno a Storia sentimentale dello sport italiano (Solferino) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 9 marzo 2019, alle 18, presso il Miramonti Majestic Grand Hotel di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
03/03/2019

MARCO BERTI

Il destino di un ragazzo nato tra canali attraversati da eleganti gondole e di un suo coetaneo che vive alle pendici delle più alte montagne del mondo. La storia di un’amicizia. Marco Berti da bambino amava ascoltare le storie dei vecchi: adesso aggiunge i suoi racconti, la sua storia. Inizia dalla laguna di Venezia, attratto dalle montagne di casa, le Dolomiti, ed esplora il mito di un antico concittadino, Marco Polo, che andò in Oriente per poi tornare e raccontare. Una storia sherpa di un viaggiatore-alpinista, un’anima in pena che si nutre di curiosità e incontri. Una narrazione che ha per denominatore comune il mondo sherpa, ma che spazia tra Medio Oriente, Oceano Indiano e Stati Uniti d’America, tra fatti dimenticati o conosciuti da pochi, memorie famigliari, esperienze alpinistiche, personaggi conosciuti e sconosciuti, viaggi, partenze e ritorni che possono farci capire il luogo a cui apparteniamo o aiutarci a cercarlo dentro di noi.

L'incontro con Marco Berti intorno a Il vento non può essere catturato dagli uomini (Priuli & Verlucca) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Venerdì 8 marzo 2019, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
24/02/2019

PETER CAMERON

Le due nuove storie di Peter Cameron, uno dei più amati scrittori americani contemporanei, raccontano due diverse e molto singolari forme di inquietudine: il malessere sottile che si allarga come una crepa nella vita in comune di due uomini, e la lunga guerra «misteriosa e mai dichiarata» in cui può trasformarsi un matrimonio di vecchia data. Le due coppie non potrebbero essere più distanti: lo scrittore in crisi creativa che divide un appartamento a Tribeca con un avvocato in carriera, e i due pensionati di una spenta cittadina di provincia, dove gli unici eventi degni di nota sono le periodiche inondazioni del fiume e gli appuntamenti della chiesa metodista. Casi da cui emana la sensazione di «un vivere fasullo, rabberciato, sempre lì lì per implodere o franare»; e infatti, sotto la superficie, questi rapporti vanno in pezzi davanti ai nostri occhi, lasciandoci attoniti e frastornati.
 
Peter Cameron è autore tra gli altri di Quella sera dorata, Un giorno questo dolore ti sarà utile, Paura della matematica, Coral Glynn, Il weekend e Andorra, tutti editi in Italia da Adelphi. Da Un giorno questo dolore ti sarà utile e Quella sera dorata sono stati tratti dei film: quest’ultimo, in particolare, per la regia di James Ivory.
 
L'incontro con Peter Cameron intorno a Gli inconvenienti della vita (Adelphi) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Venerdì 15 marzo 2019, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Interviene Francesco Chiamulera. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
15/02/2019

ALTAN

Povere bestie! Quelle di Francesco Tullio Altan sono vignette che fanno "implodere" la risata. Guizzi trattenuti d'intelligenza. Un intuito fenomenale le anima, sintetizzando miracolosamente forza e leggerezza. Partendo dalle vignette ideate nel corso di una vita, uno dei disegnatori più amati di sempre dialoga con Marino Sinibaldi, direttore di Radio 3 e anima di Fahrenheit. Bestie umane, pubblicato da Gallucci Editore, è una raccolta inedita di vignette disegnate nel corso di una vita che mette a fuoco uno dei temi ricorrenti dell’analisi dell’autore, il confronto tra uomini e animali, marcando qualche differenza e molti tratti in comune. Bastano poche parole alla misurata satira di Altan, al centro c’è il rapporto tra uomo e animale, dall’amico Fido a polli e galline, dai cavalli ai maiali. Una relazione attraverso la quale si riflettono vicende del Paese, tra amarezza e autoironica disperazione. Contro la banalità e la stupidità dilagante, gli anti-eroi di Altan - da Cipputi agli ombrelli - sono un’arma non violenta di difesa utilissima. Anzi, fondamentale. 
 

L'incontro con Altan intorno a Bestie umane (Gallucci) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 2 marzo 2019, alle 18, presso il Palazzo delle Poste, Sala Cultura, di Cortina. Intervengono Marino Sinibaldi e Paolo Cagnan. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
12/02/2019

OSCAR DE PELLEGRIN

Oscar De Pellegrin è un uomo che lascia il segno. Nonostante le avversità della vita. O forse proprio per la spinta innata che prova nel superarle. Avviato a una vita ordinaria, sopravvive a un grave incidente sul lavoro ma perde l’uso delle gambe. Si rimbocca le maniche, corona il suo sogno d’amore e non si ferma più: scopre lo sport, fonda un’associazione, si schiera dalla parte di chi è meno fortunato e scopre nel tiro con l’arco una passione viscerale, imprescindibile da tutto. Fino a laurearsi Campione Paralimpico sia a squadre che individuale. Plurititolato, protagonista di record italiani e mondiali, tedoforo olimpico, recordman iscritto nel Guinness dei Primati. “Oscar non è un uomo qualunque. È un campione, un gigante del nostro mondo, ambasciatore di un messaggio straordinario”. (Giovanni Malagò). 
 

L'incontro con Oscar De Pellegrin intorno a Ho fatto centro (Infinito Ed.) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Mercoledì 13 febbraio 2019, alle 18, presso il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
12/02/2019

ALDO CAZZULLO

Il primo film che le nostre nonne e le nostre madri andarono a vedere dopo la guerra fu Via col vento. Molte si identificarono in una scena: Rossella torna nella sua fattoria, la trova distrutta, e siccome non mangia da giorni strappa una piantina, ne rosicchia le radici, la leva al cielo e grida: «Giuro che non soffrirò mai più la fame!». Quel giuramento collettivo fu ripetuto da milioni di italiane e di italiani. Fu così che settant’anni fa venne ricostruito un Paese distrutto. Secondo Aldo Cazzullo, «avevamo 16 milioni di mine inesplose nei campi. Oggi abbiamo 65 milioni di telefonini, record mondiale. Solo un italiano su 50 possedeva un’automobile, oggi sono 37 milioni. Eppure eravamo più felici». Ora l’Italia è di nuovo un Paese da ricostruire. La lunga crisi ha fatto i danni di una guerra. Per questo dovremmo ritrovare l’energia e la fiducia in noi stessi di cui siamo stati capaci allora.

L'incontro con Aldo Cazzullo intorno a Giuro che non avrò più fame (Mondadori) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 16 febbraio 2019, alle 18, presso il Miramonti Majestic Grand Hotel di Cortina. Interviene Francesco Chiamulera. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
04/02/2019

PIERLUIGI BATTISTA

Quando il 16 agosto del 1960 la polizia sovietica bussa alla porta di Olga Ivinskaja, la donna conosce già il motivo di quella visita sgradita. Da quindici anni è infatti l’amante, l’amica, la confidente dello scrittore Boris Pasternak, diventato un nemico della patria all’indomani della pubblicazione clandestina del Dottor Živago. Olga è entrata a tal punto nel cuore di Boris da ispirare la protagonista femminile del romanzo, l’immortale Lara. Nel 1960 Pasternak è ormai morto da qualche mese, sono passati tre anni dalla prima edizione del romanzo e due anni dal Premio Nobel che è stato costretto a non ritirare, così Olga finisce in Siberia dopo un processo sommario. È solo l’ultimo capitolo, postumo, della vita sentimentale di uno scrittore irregolare, segnata da amori folli e abbandoni repentini. Pierluigi Battista racconta la vita da romanzo di Boris Pasternak, tra donne e poeti, spie e carteggi segreti, in cui si intrecciano pericolosamente letteratura e passioni.
 

L'incontro con Pierluigi Battista a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo intorno a Il senso di colpa del Dottor Živago (Rizzoli) si terrà Sabato 9 Febbraio 2019, alle 18, presso il Palazzo delle Poste, Sala Cultura, di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
02/02/2019

LA FILODRAMMATICA D'AMPEZZO

Non esiste vita culturale a Cortina senza la Filodrammatica d’Ampezzo. Un sodalizio basato interamente sul volontariato, che da un secolo e più unisce amanti del teatro in uno spettacolo annuale, biglietto da visita del buonumore della popolazione di Cortina. Sempre in ampezzano, l’idioma ladino autoctono della vallata. Quest’anno, però, una grande novità accompagna l’unica rappresentazione dello spassoso “Barista cercasi”, (“Bar dal Giulivo” in ampezzano): per la prima volta, lo spettacolo sarà accompagnato dai sottotitoli “dal vivo” in italiano, a cura di Una Montagna di Libri. Per consentire a tutti gli spettatori di seguire la storia.

Lo spettacolo "Barista cercasi" della Filodrammatica d'Ampezzo , per la regia di Davide Sottsass e Lorena Alberti Minel, si terrà Giovedì 7 Febbraio 2019, alle 21, presso il Cinema Eden di Cortina. Ingresso a pagamento, costo del biglietto Euro 7. Vendita diretta presso la biglietteria del Cinema.