News

02/03/2017

FABIO GEDA

Facciamo un gioco. Per una volta, non chiediamo a un autore di parlare dei propri libri. O almeno, non solo dei propri. Quali sono le letture sul comodino di Fabio Geda? Da quali pagine ha tratto nutrimento e ispirazione per le sue storie di ragazzi, bambini, crescita, avvicendarsi delle generazioni? Un narratore a Cortina per un viaggio particolare: quello tra i libri degli altri. Tra le suggestioni che lo hanno spinto a scrivere Nel mare ci sono i coccodrilli, fenomeno editoriale che dal 2010 è stato amato da centinaia di migliaia di lettori, e poi i suoi altri romanzi e racconti. Per ritrovare, infine, la domanda forse più importante: narrare e leggere delle vicende dei giovanissimi è un modo per coltivare una diversa speranza nel futuro, anche al di fuori della letteratura?
 
I LIBRI DEGLI ALTRI. Un viaggio nelle pagine preferite da Fabio Geda. Con Marco Magnone
Cortina d'Ampezzo, Venerdì 3 marzo 2017, Ore 18
Miramonti Majestic G.H.
 
28/02/2017

MISSIONE GRANDE BELLEZZA

L’Italia è un enorme museo a cielo aperto: nelle sue città, fra le sue colline, lungo le sue spettacolari coste sono nati alcuni dei più grandi capolavori artistici della nostra civiltà. Ma sono tante le opere create in Italia che hanno vissuto destini travagliati: rubate in guerra, a volte restituite a volte no, spesso perdute. Non c'è da stupirsi quindi che i più temuti personaggi della storia, da Napoleone fino a Hitler, abbiano preso di mira lo stivale d’Europa e i suoi tesori. 
 
Ma in loro difesa si sono battuti eroi, spesso sconosciuti, che hanno rischiato la vita per riportare in patria parte del bottino, e di cui oggi Alessandro Marzo Magno ricostruisce le gesta: Antonio Canova in missione a Parigi per conto del papa, l’ambiguo Rodolfo Siviero, agente segreto dall’oscuro passato, che ha dedicato tutta la vita al recupero delle opera trafugate dai nazisti. E poi ancora le Monuments Women italiane: Palma Bucarelli a Roma, Noemi Gabrielli a Torino e Genova, Fernanda Wittgens a Milano.
 
Quasi come in un thriller, grazie alla capacità dell’autore di farci leggere il passato come una straordinaria avventura del presente, rivivono le storie coraggiose di quelle donne e di quegli uomini che hanno recuperato e messo in salvo la bellezza del nostro paese.
 
L'appuntamento con Alessandro Marzo Magno a Una Montagna di Libri, per la prima presentazione italiana di Missione grande bellezza (Garzanti), è per giovedì 2 marzo 2017, alle ore 18, al Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Una conversazione con Marisa Fumagalli.
25/02/2017

PARISE E LA NEVE

L’intima relazione che legava Goffredo Parise alla neve è riassunta nel suo racconto Accadde a Cortina. Così scriveva Parise: “La bellezza di questa neve è nutrita dal silenzio e dalla luce: una luce fredda e purissima, radente o a picco, senza ombre, dove il blu del cielo si appoggia al candore delle vette e dei manti, e il sole è un disco bianco e rovente come la bocca di un altoforno nell’infinito”. Una Montagna di Libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria cortinese, rende omaggio al grande letterato domenica 26 febbraio 2017, alle ore 11, nell’appuntamento che si terrà al Meloncino al Camineto, in Località Rumerlo. A ricordare Parise saranno tanti amici, tra i quali Beppe Càntele Ronzani e Alberto Cotrona, editori di una raffinata edizione dei Sillabari Veneti; Lorenzo Capellini, fotografo e coautore di Veneto barbaro di muschi e nebbie; e Paolo Valerio, direttore del Teatro Stabile di Verona, che leggerà alcuni brani di Parise.
 
L’incontro. A trent’anni dalla scomparsa, Cortina rivolge un pensiero pieno di devozione al grande scrittore veneto, alla sua poesia limpida e magica, ricordandone la lunga frequentazione tra le Dolomiti in una breve lettura pubblica, ai piedi delle piste, luoghi tanto cari a Parise. “Allora cominciare a sciare, avendo davanti a sé una lunga discesa immacolata dove nessuno è mai passato, soli, contro il sole, aspirando quel profumo quasi impercettibile che il sole estrae dalla neve, un po’ ozono, un po’ di iodio, ascoltando i suoni interni dei propri muscoli, del respiro, dello sguardo e soprattutto il suono della propria energia in espansione, allora, e solo allora e per pochi istanti, si può dire e ripetere e ricordare: "Sì, sono e sono stato veramente felice di vivere".
23/02/2017

#BOOKTHERAPY

In un momento delicato della vita dello storico Ospedale Codivilla - Putti di Cortina d’Ampezzo, più che mai Una Montagna di Libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria cortinese, è vicina alla struttura ospedaliera, ai servizi che eroga e soprattutto ai suoi pazienti. Sarà infatti Aldo Cazzullo a inaugurare una speciale, nuovissima iniziativa a servizio di chi sta meno bene, di chi deve guarire, di chi è solo.
 
Si chiama #BOOKTHERAPY l’impegno sociale e comunitario di Una Montagna di Libri. Che porterà gli Autori dentro le sale dell’ospedale Putti, a presentare i propri libri ai malati di patologie osteomielitiche che vengono da tutta Italia a curarsi a Cortina. “Ci sono oltre quaranta pazienti di media e lunga degenza nell’Ospedale, punto di riferimento italiano per la cura delle rare e complesse infezioni dell’osso”, confermano organizzatori e dirigenza dell’Ospedale, coinvolta fin dall’inizio e con entusiasmo nell’iniziativa. “E con loro ci sono familiari, amici, piccole attività di Cortina che offrono alloggio, medici, infermieri, personale sanitario”. Insomma, tutto un mondo che gravita intorno a una struttura ospedaliera che costituisce un presidio per il territorio.
 
Per questa ragione, sarà proprio l’autore, con il suo libro, a fare periodicamente visita ai pazienti, in un evento di eccezione. Intorno a un ideale focolare. Appuntamento lunedì 27 febbraio 2017, alle ore 16, all’Ospedale Putti di Cortina. Quando Aldo Cazzullo leggerà le pagine di Le donne erediteranno la terra (Mondadori), il suo ultimo libro. E si prosegue poi, il 10 marzo, con Francesco Vidotto nelle sale della Casa di Riposo Angelo Majoni, a contatto con i meno giovani. “Perché tutti i lettori sono uguali. E ascoltare dalla viva voce di un autore le pagine più belle ed emozionanti del suo ultimo libro può servire a stare meglio”.
21/02/2017

ANDREA DE CARLO

Succede in Provenza, d’autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po’ per fini umanitari, un po’ per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. In paese c’è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d’artista. Un rovello continuo che ruota attorno all’equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. E' il nuovo romanzo di Andrea De Carlo, L'imperfetta meraviglia (Giunti).
 
E Andrea De Carlo sarà a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo per un incontro speciale. Appuntamento sabato 4 marzo 2017, Ore 18, Palazzo delle Poste di Cortina. Interviene Alessandra Tedesco.
 
Andrea De Carlo (foto Settimio Benedusi) è nato a Milano, dove è cresciuto. Il suo primo romanzo, Treno di panna, è stato pubblicato con un’introduzione di Italo Calvino. Ha lavorato con Federico Fellini e Michelangelo Antonioni. Ha registrato due cd di sue musiche, Alcuni nomi e Dentro Giro di vento. I suoi romanzi, venduti in milioni di copie e tradotti in ventisei paesi, sono: Treno di panna, Uccelli da gabbia e da voliera, Macno, Yucatan, Due di due, Tecniche di seduzione, Arcodamore, Uto, Di noi tre, Nel momento, Pura vita, I veri nomi, Giro di vento, Mare delle verità, Durante, Leielui, Villa Metaphora, Cuore primitivo.
21/02/2017

ALDO CAZZULLO

«Voi donne siete meglio di noi. Non pensiate che gli uomini non lo sappiano; lo sappiamo benissimo, e sono millenni che ci organizziamo per sottomettervi, spesso con il vostro aiuto. Ma quel tempo sta finendo. È finito. Comincia il tempo in cui le donne prenderanno il potere.» Aldo Cazzullo racconta perché il nostro sarà il secolo del sorpasso della donna sull'uomo. I segni sono evidenti: a Berlino e a Londra governano due donne. L'Italia resta un Paese maschilista, eppure sono donne la sindaca della capitale, la presidente della Camera, le direttrici delle principali carceri, l'astronauta più nota, la scienziata più importante. Ed è solo l'inizio.
 
Aldo Cazzullo sarà a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo per presentare del suo ultimo libro, Le donne erediteranno la terra (Mondadori). Appuntamento sabato 25 febbraio 2017, Ore 18, Miramonti Majestic G. H. di Cortina. Intervengono Massimo Mamoli e Paolo Valerio.
 
Aldo Cazzullo dopo 15 anni alla «Stampa», dal 2003 è inviato e editorialista del «Corriere della Sera», per il quale ha seguito i principali avvenimenti italiani e internazionali. Ha dedicato diciassette saggi alla storia e all'identità del nostro Paese. Sia Viva l'Italia! (2010), sia Basta piangere! (2013), sia Possa il mio sangue servire (2015) hanno superato le centomila copie; La guerra dei nostri nonni (2014) le trecentomila.
 
17/02/2017

RICCARDO GAZZANIGA

Dopo il successo di A viso coperto (Premio Calvino 2012), Riccardo Gazzaniga ritorna con un nuovo romanzo in cui paura, innocenza e tradimento si mescolano nello sfondo delle Dolomiti Venete. Si intitola Non devi dirlo a nessuno (Einaudi) il nuovo libro di Gazzaniga, che sarà presentato a Una Montagna di Libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria cortinese. Domenica 19 febbraio 2017, alle ore 18, l’appuntamento sarà al Palazzo delle Poste di Cortina. Interviene Vera Slepoj.
 
Il libro. Estate 1989. Luca, adolescente genovese, trascorre l'estate a Lamon. Il suo migliore amico è Alessio, villeggiante e un po' sfigato come lui. Il suo amore è Chiara, ma a lei piace Samuele, che ha già lo scooter e pure l'orecchino. Una sera, Luca e il fratellino Giorgio si addentrano nel bosco alla ricerca di un tasso. Lí si accorgono che due occhi li fissano dal buio. Scappano, convinti di essere seguiti, ma, arrivati alla porta di casa, si voltano e non vedono nessuno. C'era davvero una presenza che li spiava nascosta tra gli alberi? E chi guida la macchina nera che compare in paese qualche sera dopo e sembra pedinare Luca?
01/02/2017

MICHAEL SPENCE

Viviamo in un’era di grandi incertezze. Sul piano economico, il 2016 è stato l’anno del ritorno a un protezionismo di cui la Brexit è solo uno dei possibili esempi. La crescita a livello globale sta rallentando, soprattutto nei paesi asiatici. I prezzi di petrolio e altre materie prime sono sempre più volatili, mentre la rivoluzione digitale minaccia di portare alla perdita di molti posti di lavoro. Tutto questo mentre stiamo entrando in un ciclo elettorale che in 2 anni potrebbe cambiare i governi dei principali paesi europei (oltre al governatore della BCE). Ma le incertezze chiedono risposte. Quali sono le prospettive economiche e valutarie per l'Italia e per l'Europa nei prossimi cinque anni? Quali le implicazioni per la competitività delle imprese europee? Lo chiediamo al premio Nobel Michael Spence. Un incontro di eccezione, organizzato in collaborazione con Fondazione Cortina 2021 e Promostudio.

Appuntamento venerdì 17 febbraio 2017, Ore 18, Sala Cultura del Palazzo delle Poste di Cortina. Introduce Francesco Chiamulera.

Michael Spence, economista statunitense e Premio Nobel 2001 per l'Economia, è professore emerito in Management presso la Stanford Graduate School of Business della quale è stato preside dal 1990 al 1999. Si è occupato delle finanze, dell'organizzazione e delle politiche educative della scuola. E’ professore di Economia presso la Scuola di Dirigenza Aziendale dell'Università Bocconi.

02/02/2017

TAHAR BEN JELLOUN

I giovani sono una preda prediletta per il terrore che si è insediato nel cuore dell’Europa, e in Francia in particolare, dopo gli ultimi attentati jihadisti che hanno colpito Parigi, Nizza e la provincia francese. Come aiutarli a liberarsi dalla paura? Dando i nomi alle cose, spiega Tahar Ben Jelloun. Che sarà a Cortina d'Ampezzo per un incontro di eccezione: la presentazione del suo ultimo libro, Il terrorismo spiegato ai nostri figli (La Nave di Teseo). Appuntamento sabato 18 febbraio 2017, Ore 18, Cinema Eden di Cortina. Interviene Francesco Chiamulera.
 
Tahar Ben Jelloun, poeta, romanziere e giornalista franco-marocchino, ha vinto il Premio Goncourt nel 1987, e già con Il razzismo spiegato a mia figlia ha ottenuto un successo internazionale. Ripercorrendo la storia della parola "terrorismo" e delle realtà che essa designa, da alcuni degli episodi più sanguinosi della storia fino alla esplosione contemporanea del fondamentalismo islamista, a cui è dedicata la parte più importante di questo dialogo. E ancora una volta, è alla propria figlia, alle sue domande e alle sue paure, che Ben Jelloun sceglie di rivolgersi. 
 
01/02/2017

MARCO PAOLINI

Un western di formazione nelle Alpi, la storia del rapporto tra un padre e un figlio, all’inseguimento della figura ancestrale e mitica del Diaol, un orso vecchio e feroce. E’ La pelle dell’orso, il film di Marco Segato tratto dal libro di Matteo Righetto, con protagonista Marco Paolini, che ha riscosso un clamoroso successo nei cinema. E Paolini sarà il prossimo ospite di Una Montagna di Libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria cortinese, per un incontro speciale. A Cortina, proietteremo il film e ne vedremo e commenteremo le scene con l’attore protagonista. Sabato 11 febbraio 2017, alle ore 17, l’appuntamento sarà al Cinema Eden di Cortina. Intervengono Francesco Bonsembiante, Francesco Chiamulera e Matteo Righetto. Un incontro realizzato grazie a Uniqa.
 
Anni Cinquanta. In un villaggio nel cuore delle Dolomiti vivono Domenico, un ragazzino sveglio ma introverso, e il padre Pietro, un uomo consumato dalla solitudine e dal vino, che per campare lavora alle dipendenze di Crepaz. Il rapporto tra padre e figlio è aspro e difficile, i lunghi silenzi li hanno trasformati in due estranei. Una notte la tranquillità della valle viene minacciata dal diaol, il diavolo, un orso vecchio e feroce che ammazza una vacca dentro una stalla. La comunità è in preda a un terrore superstizioso e non ha la forza di reagire. Una sera all’osteria in uno scatto d’orgoglio, Pietro lancia una sfida a Crepaz: ammazzerà l’orso in cambio di denaro. Domenico lo viene a sapere e decide di seguirlo. Padre e figlio si immergono nei boschi, sempre più a fondo, fino ad esserne inevitabilmente trasformati.