News

31/12/2018

JESSICA FELLOWES

Il ritratto di un'epoca, nelle sue luci e nelle sue ombre, composto da una grande narratrice: il mondo di Downton Abbey, una vasta tenuta nello Yorkshire in cui rivive un mondo perso per sempre, quello delle grandi magioni della nobiltà inglese e della loro folla di servitori, rivive nel racconto di Jessica Fellowes, che ha investigato la storia della nobiltà inglese come ritratta da suo zio, Julian Fellowes, creatore di una delle serie televisive di maggior successo al mondo, che sarà presto un film. In Downton Abbey cerimoniosi rituali, domestici irreprensibili e il gioco formale tra classi danno vita a un irresistibile balletto. E poi, man mano che si addentrava in quel mondo, che esplorava le complesse relazioni tra donne e uomini nell’Inghilterra di allora, Jessica ha tratto gli spunti e le idee per una storia tutta sua. E’ I delitti Mitford, serie di gialli ambientata negli anni Venti e Trenta con protagoniste le sei leggendarie sorelle Mitford. Dopo il romanzo d’esordio, L’assassinio di Florence Nightingale Shore, la serie prosegue con l’attesissimo Morte di un giovane di belle speranze.

Jessica Fellowes, nipote dell’acclamato autore britannico Julian Fellowes, è scrittrice e giornalista, è autrice di cinque libri sui retroscena della celebre serie TV Downton Abbey, molti dei quali sono apparsi nella lista dei bestseller del New York Times e Sunday Times. Ex vice direttrice di «Country Life» e giornalista del «Sunday Mail», ha scritto per diverse testate tra cui il «Daily Telegraph», il «Guardian», il «Sunday Times» e «The Lady». L’assassinio di Florence Nightingale Shore (Neri Pozza 2017) è il primo della serie di gialli I delitti Mitford. Nel 2018 esce Morte di un giovane di belle speranze (Neri Pozza).

L'incontro con Jessica Fellowes a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 5 Gennaio 2019, alle ore 18, presso il Palazzo delle Poste di Cortina, Sala Cultura. Interviene Federico Chiara. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
31/12/2018

EMMANUEL CARRÈRE

«La follia e l'orrore hanno attanagliato la mia vita» scriveva Carrère presentando Un romanzo russo ai lettori francesi. «Di questo, e di nient'altro, parlano i miei libri». Un giorno, però, alla follia e all'orrore decide di sfuggire. Trova un nuovo amore e accetta di realizzare un reportage su un prigioniero di guerra ungherese dimenticato per più di cinquant'anni in un ospedale psichiatrico russo. Arriva così in una cittadina a ottocento chilometri da Mosca. Ma nel frattempo, il viaggio in Russia ha messo fatalmente in gioco le sue origini e il suo rapporto con la lingua della madre: e così Carrère comincia a indagare su quello che, non solo implicitamente, gli «è stato proibito raccontare»: la storia del nonno materno, il quale, dopo un'esistenza segnata dal fallimento e dalle umiliazioni, è scomparso nell'autunno del 1944, ucciso probabilmente per aver collaborato con l'occupante. «È il segreto di mia madre, il fantasma che ossessiona la nostra famiglia».

Emmanuel Carrère è nato e vive a Parigi. Della sua vasta produzione sono usciti in Italia, con Einaudi e Adelphi, La settimana bianca, L'avversario, Facciamo un gioco, Vite che non sono la mia, Limonov, Il Regno, A Calais, Io sono vivo, voi siete morti e Propizio è avere ove recarsi.

L'incontro con Emmanuel Carrère a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Venerdì 4 Gennaio 2019, alle 18, presso il Miramonti Majestic Grand Hotel di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
17/12/2018

OSCAR FARINETTI

"Ricordandoci di essere imperfetti, possiamo essere quasi felici”. Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e di Fico, imprenditore italiano che ha cambiato il modo di raccontare e vivere il gusto, è a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo. Una riflessione in parole e immagini sui sentimenti che ci legano agli altri e al mondo in cui viviamo, un invito a scoprire la bellezza nascosta che ci circonda. Un’occasione per tornare con Farinetti sui grandi temi che gli stanno a cuore: in primis quelli della biodiversità e dell'eccellenza italiana nel campo agroalimentare, la storia dell'agricoltura, del vino, della birra, dell'olio e della pesca, e ancora, il rapporto fra gli uomini e gli animali. Per un futuro sostenibile.
 
L'incontro con Oscar Farinetti intorno a Quasi (La nave di Teseo) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Domenica 23 Dicembre 2018, alle 18, presso il Comun Vecio di Cortina, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
15/12/2018

SOLE, WHISKY E SEI IN POLE POSITION

“E anche questo Natale... se lo semo levato dalle palle!”. A Carlo Vanzina, interprete estroverso degli italiani di oggi, scomparso a luglio, Cortina d’Ampezzo deve molto. Da quando la immortalò nel 1983 insieme al fratello Enrico con un film che, come ha scritto Aldo Grasso, più che nostalgico verso il passato era distopico verso il futuro, l’immagine di Vacanze di Natale le è rimasta cucita addosso. Persino nel lessico comune, nelle frasi ricorrenti esibite fuori dai locali, per le vie, nelle auto in allegra comitiva che salgono verso la montagna: da “Alboreto is nothing” a “sole, whisky e sei in pole position”. Persino nella colonna sonora, che sia “Amore disperato” di Nada, “Moonlight Shadow”, o “Vita spericolata” di Vasco. A trentacinque anni esatti da quando nelle sale cinematografiche italiane veniva distribuito, fresco fresco dalle riprese ampezzane, Vacanze di Natale, Una Montagna di Libri propone a Cortina d'Ampezzo un pomeriggio speciale, a tutto vintage, tra clip video, musica e retroscena. Con Enrico Vanzina torniamo su tormentoni, battute-mantra e ricordi dolci e amari. 
 
Sole, whisky e sei in pole position: l'incontro con Enrico Vanzina a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Mercoledì 26 Dicembre 2018, alle 17.30, presso il Cinema Eden di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
15/12/2018

IL RACCONTO DELL'ATTESA

Il silenzio attorno, noi al caldo di un fuoco acceso. È la storia millenaria di una natura che trattiene il respiro. Raccontare l’inverno significa parlare di una parte profonda della storia umana: le grandi glaciazioni, la lotta per la sopravvivenza, ma anche l’idea di rinascita connessa ai miti e alle feste più antiche. Stagione della sospensione, tanto dei lavori agricoli quanto della guerra, è uno dei momenti forti dell’anno, scandito da riti religiosi e dalla speranza di rinnovamento che essi esprimono. Alessandro Vanoli la insegue nei secoli e ci riporta a cacciatori, malattie, estenuanti ritirate militari, al gelo dei monasteri, e poi a esseri fatati nascosti nel cuore della terra, a lunghe veglie davanti al fuoco nel raccoglimento dell’intimità domestica. Un ovattato intervallo bianco, festivo e mortale nel contempo, che continua a sollecitare il nostro immaginario.
 
L'incontro con Alessandro Vanoli intorno a Inverno. Il racconto dell'attesa (Il Mulino) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Domenica 23 Dicembre 2018, alle 18, presso il Comun Vecio di Cortina, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
15/12/2018

CUCINA SLOW

La vita e i suoi piaceri più semplici: la famiglia, gli amici, un paesaggio da togliere il fiato fuori dalla finestra, il buon cibo da vivere e condividere. Questi sono gli ingredienti di Cucina Slow, il primo libro di una ragazza delle Dolomiti, Monica Giustina. Con lei, scopriamo ricette stagionali che si adattano a ogni tipo di cucina, con ingredienti sempre naturali e facili da trovare, ma anche il gusto e il culto degli allestimenti, delle presentazioni, della bellezza a tavola. Dai piatti semplici e veloci al comfort food, dal mangiare slow alle conserve. In particolare, a due giorni dalla Vigilia, impariamo come si allestisce la più bella tavola natalizia. Un vero e proprio “ritorno alle origini”, per provare nuovi gusti e sensazioni. I paesaggi da favola permettono di riscoprire l’importanza del tempo, della convivialità e del benessere fisico e mentale, a cui non rinunciare nel frenetico mondo di oggi.
 
L'incontro con Monica Giustina intorno a Cucina slow (iFood) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Sabato 22 Dicembre 2018, alle 18, presso il Negozio Sottosopra di Cortina, Via XXIX Maggio, 14. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
04/12/2018

7 DICEMBRE - 21 APRILE

Un inverno di emozioni sta per cominciare tra le Dolomiti. Ad aprire la grande stagione di Cortina d’Ampezzo è la nuova edizione di Una Montagna di Libri, la festa internazionale della lettura protagonista della Regina delle Dolomiti, che raccoglie un pubblico annuale di quasi 20mila presenze e da nove anni si conferma centro propulsore della cultura in quota. Dal 7 dicembre al 21 aprile la XIX Edizione porta a Cortina un programma prezioso e di straordinaria diversità, con oltre trenta incontri con l’autore tra letteratura, attualità, cinema e arte. Un’edizione sempre più preziosa, quella di Una Montagna di Libri. Che farà di Cortina un grande spettacolo, lungo quanto l’inverno, fino alla primavera, raccontando novità editoriali, portando in quota grandi scrittori del mondo e Premi Pulitzer, interpellando i protagonisti dell’informazione.

Il programma completo di Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo per l'inverno 2018/19 è scaricabile nella sezione "Il programma" di questo sito web.

30/11/2018

TUTTI I COLORI DEL LIBRO

Qualcosa sta succedendo, nel mondo dei libri. All’ombra delle macro-fusioni che coinvolgono i colossi dell’editoria c’è una strada che editori piccoli e meno piccoli percorrono con sempre maggiore frequenza: le pubblicazioni di altissima qualità. Non solo nei contenuti ma anche a livello grafico, tipografico, perfino tattile. Lo fanno soprattutto sotto la spinta delle nuove tecnologie, che rendono necessario per la carta diversificarsi, offrire una reale alternativa all’ebook. L’inverno di Una Montagna di Libri si apre con un viaggio nella “piccola bellezza” dell’editoria: copertine, font, rientri, spaziature, disegni, arte. Caratteri e pagine, carta e idee. Con un editore veneto, Beppe Cantèle, patron di Ronzani, che con le sue giovani pubblicazioni punta deliberatamente alla nicchia di eccellenza, e con uno straordinario illustratore, Roberto Abbiati, autore dei disegni per l’edizione Adelphi del “Moby Dick” di Melville e di copertine vincitrici di premi e riconoscimenti. Perché in una società sempre più sazia e sofisticata, accanto a un vino biodinamico e a una pizza gourmet, il libro è un oggetto di neo-artigianato. Di godimento estetico ancora prima che intellettuale.
 
Tutti i colori del libro: l'incontro con Roberto Abbiati Beppe Càntele Ronzani a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Venerdì 7 Dicembre 2018, alle 18, presso il Palazzo delle Poste di Cortina. Conduce Francesco Chiamulera. Un evento organizzato in collaborazione con Associazione Culturale Edoardo Gellner. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.
30/11/2018

JARETT KOBEK

In attesa di ritrovarci alla XIX Edizione di Una Montagna di Libri, la festa internazionale della lettura di Cortina d’Ampezzo, accendiamo i riflettori su Cortina da Milano. Si chiama VersoCortina l’appuntamento speciale che Una Montagna di Libri terrà a Milano, in una sede di eccezione: Agenzia del Contemporaneo. 
 
Saranno Cristiano Seganfreddo, fondatore di AdC, e Francesco Chiamulera, responsabile di Una Montagna di Libri, a dare il benvenuto a Jarett Kobek, scrittore protagonista della nuova narrativa americana. A Milano, in anteprima assoluta sulla stagione cortinese, Jarett Kobek parlerà di Io odio internet (Fazi). Un romanzo esilarante concepito da una mente geniale. Un bestseller controcorrente che fa a pezzi tutti i grandi paradossi dell’era Internet.
 
«Internet era un’invenzione meravigliosa. Era una rete informatica che gli esseri umani usavano per ricordare ai loro simili che erano degli schifosi pezzi di merda». Adeline è una quarantacinquenne semifamosa per aver pubblicato un fumetto di successo negli anni Novanta. Invitata a parlare in un’università, finisce sotto attacco sui social network per aver «commesso l’unico peccato imperdonabile del ventunesimo secolo», ossia non rendersi conto che qualcuno la riprendeva mentre esprimeva quello che pensava. Adeline diventa così un trend su Twitter, e poi il bersaglio degli hater. E dagli insulti sessisti e razzisti che riceve, gli unici a guadagnarci sono Google, Facebook e Twitter, che vivono della pubblicità e dei contenuti creati dagli utenti, delle loro opinioni inutili, spesso ipocrite e compiaciute, sfruttate appieno per le inserzioni pubblicitarie che fruttano patrimoni enormi a Mark Zuckerberg, Steve Jobs e pochi altri: signori feudali per i quali «le parole sono il grasso che olia gli ingranaggi del capitalismo».
 
L'incontro con Jarett Kobek è per mercoledì 12 dicembre 2018, alle 19, presso Agenzia del Contemporaneo, Via Durini 24, Milano. Ingresso su accredito all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.

 

02/10/2018

JOHN HEMINGWAY

Un complesso rapporto legò Ernest Hemingway al figlio Gregory, che, come scrisse lo stesso Ernest, assomigliava più di tutti a lui, sia fisicamente ("un piccolo Thomas Hudson in miniatura", si legge nel romanzo Isole nella Corrente), sia in alcuni lati del carattere, e nella passione per la pesca, le donne e la caccia. Ma Gregory fu un figlio che del padre finì per ereditare anche un certo lato oscuro (soffrirono entrambi di malattia bipolare ed entrambi erano affascinati dall'androginia), nonché le stesse debolezze, fragilità, spinte autodistruttive. John Hemingway, alla terza generazione, in un eccezionale ritorno a Cortina degli Hemingway, tesse un ricordo del nonno e un elogio del padre. Scopre come sia stato difficile vivere accanto a lui, così fragile ed eccentrico per l'abitudine di indossare abiti da donna, lottando con la parte femminile del proprio io. Un'abitudine che Gregory aveva sviluppato durante l'infanzia ed era nota allo stesso Ernest, che l'aveva sorpreso a indossare un paio di calze della madre e nonostante il noto machismo non se n'era meravigliato. Anzi, riconobbe in lui una bizzarra tendenza degli Hemingway. Tanto da esclamare: "Gregory, io e te proveniamo da una strana tribù".
 
L'incontro con John Hemingway intorno a Una strana tribù (Marlin Editore) a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo si terrà Martedì 23 Ottobre 2018, alle 10.30, presso il Cinema Eden di Cortina, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazione dei posti consigliata, all’indirizzo info@unamontagnadilibri.it.