News

22/02/2018

JAN BROKKEN

È il 1975 quando Jan Brokken rimane folgorato da San Pietroburgo, l’allora Leningrado, patria splendente e malinconica di poeti e dissidenti, folli e geni, disperati e amanti, culla della ribellione agli zar e poi al regime sovietico in nome della libertà dell’arte e dello spirito. Ora ci accompagna nelle sue passeggiate fra presente e passato attraverso strade, teatri, case e musei. Un viaggio tra la raffinatissima Anna Achmatova, l’avventura umana e poetica di Dostoevskij, Gogol’, Solženicyn; i radicali Stravinskij e Malevič e i tormentati Čajkovskij e Šostakovič; gli espatriati Brodskij, Rachmaninov e Nabokov e l’inquieto Esenin, il «Rimbaud russo» che conquistò Isadora Duncan; il principe dandy Jusupov, che assassinò Rasputin e fuggì a Parigi con un Rembrandt sottobraccio, e la pianista Marija Judina, che seppur ebrea e dissidente ottenne con la sua musica l’eterno favore di Stalin. «A ogni passo in questa città mi viene in mente un libro o mi risuona in testa una musica. È una scoperta continua».
 
Jan Brokken, scrittore, giornalista e viaggiatore olandese, noto per la capacità di raccontare i grandi protagonisti del mondo letterario e musicale, ha pubblicato numerosi romanzi di successo che la stampa ha avvicinato a Graham Greene e Bruce Chatwin, come l’esordio narrativo De Provincie (1984), da cui è stato tratto un film, e poi Nella casa del pianista (2011), Anime baltiche (2014), Il giardino dei cosacchi (2016), tutti con Iperborea.
 
L'incontro con Jan Brokken a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per venerdì 2 marzo 2018. Ore 18, Miramonti Majestic Grand Hotel di Cortina. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
22/02/2018

RICCARDO FALCINELLI

Intrecciando storie su storie, e con l'aiuto di 400 illustrazioni, Riccardo Falcinelli narra come si è formato lo sguardo moderno, attingendo all'intero universo delle immagini: non solo la pittura, ma anche la letteratura, il cinema, i fumetti e soprattutto gli oggetti quotidiani, che per la prima volta ci fa vedere in maniera nuova e inconsueta. Tutte le società hanno costruito sistemi simbolici in cui il colore aveva un ruolo centrale: pensiamo al nero del lutto, al rosso del comunismo o all'azzurro del manto della Madonna.
 
Visto su uno smartphone, un affresco risulta luminoso come una foto digitale. Le tinte cariche e brillanti dello schermo sono ormai il parametro con cui valutiamo la purezza di ogni fenomeno cromatico. Chi ha conosciuto il colore della televisione, insomma, non può piú vedere il mondo con gli occhi del passato. Magari non ne siamo consapevoli, ma abbiamo in mente il giallo dei Simpson anche di fronte a un quadro del Rinascimento. Cromorama ci racconta come oggi il colore sia diventato un filtro con cui pensiamo la realtà.
 
L'incontro con Riccardo Falcinelli a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per sabato 24 febbraio 2018. Ore 18, Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
22/02/2018

CROMORAMA

Perché le matite gialle vendono di piú delle altre? Perché Flaubert veste di blu Emma Bovary? Perché nei dipinti di Mondrian il verde non c'è mai? E perché invece Hitchcock lo usa in abbondanza? Intrecciando storie su storie Riccardo Falcinelli narra come si è formato lo sguardo moderno, attingendo all'intero universo delle immagini: non solo la pittura, ma anche la letteratura, il cinema, i fumetti e soprattutto gli oggetti quotidiani, che per la prima volta ci fa vedere in maniera nuova e inconsueta. Ciò che di straordinario è accaduto nel mondo moderno è che la tecnologia e il mercato hanno cambiato il modo in cui guardiamo le cose, abituandoci a nuove percezioni. 
 
Riccardo Falcinelli (1973) è uno dei più apprezzati visual designer sulla scena della grafica italiana, che ha contribuito a innovare progettando libri e collane per diversi editori. Insegna Psicologia della percezione presso la facoltà di Design ISIA di Roma. Insieme a Marta Poggi, è autore dei graphic novel Cardiaferrania (minimum fax 2000), Grafogrifo (Einaudi Stile Libero 2004) e L'allegra fattoria (minimum fax 2007). Per Einaudi Stile Libero ha pubblicato Critica portatile al visual design (2014). Suo è l'attuale progetto grafico di Einaudi Stile Libero.
 
L'incontro con Riccardo Falcinelli a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per sabato 24 febbraio 2018. Ore 18, Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi, Corso Italia. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
15/02/2018

MARCO PAOLINI

A Cortina d'Ampezzo, uno spettacolo unico di e con Marco Paolini.
"Le Avventure di Numero Primo". Solo per un giorno.
Alexander Girardi Hall, Sabato 10 marzo 2018. Ore 18.
 
Numero Primo è il nome scelto per sé da uno strano bambino, che irrompe nella vita di Ettore, fotoreporter di guerra che a quasi sessant'anni si ritrova a fargli da padre. È stato desiderato e pensato da una madre scienziata, ma concepito e messo al mondo da un'intelligenza artificiale avanzatissima, tanto da aver sviluppato una coscienza. Non è una creatura uguale alle altre, non conosce quasi niente, tutto gli appare nuovo, bello; possiede il dono di trovare la magia nelle cose più comuni e, quando non la trova, di crearla. Lieve come una favola, vero come un reportage, "Le avventure di Numero Primo" ci regala storie e riflessioni a non finire.
 
Marco Paolini è attore, autore e regista. Noto al grande pubblico per Il racconto del Vajont, è autore e interprete di narrazioni di forte impatto civile (I-TIGI racconto per Ustica, Parlamento chimico, Il Sergente, Bhopal 2 dicembre '84, U 238, Miserabili). Ha pubblicato Ausmerzen (2012) e Itis Galileo (2013), entrambi con Einaudi.
 
Biglietti: adulti Euro 25, ragazzi (under 25) Euro 15.
 
Acquista il tuo biglietto: 
 
Prevendita biglietti (con diritti) presso Infopoint Cortina, Corso Italia 81. Tel. 0436 869086.
Vendita diretta presso l'evento Alexander Girardi Hall, 10 marzo 2018, dalle 16.30.
09/02/2018

LONELY PLANET DOLOMITI

“Le Dolomiti sono la proiezione verticale di un territorio sorprendente. Esprimono un fascino primitivo e maestoso che rapisce lo sguardo e il cuore”. Lo scrive Denis Falconieri, uno dei tre autori con Giacomo Bassi e Piero Pasini, della Guida Lonely Planet dedicata alle Dolomiti.
 
Il racconto delle montagne che dal 2009 sono Patrimonio Unesco viene fatto attraverso la lente della guida forse più famosa al mondo, che viene presentata per la prima volta a Cortina, fresca di stampa. Con gli autori intervengono Gianpaolo Bottacin, Assessore Regione del Veneto, Marcella Morandini, direttrice Fondazione Dolomiti Unesco, Angelo Pittro, Giuliano Vantaggi, e Giovanni Stefani, Caporedattore TgR Veneto. 
 
Esperienze straordinarie, foto suggestive, cultura e tradizioni, avventure nella natura e a tavola, tra i piatti tipici. Ma anche un’occasione per scoprire il dietro le quinte di un manuale che racconta al resto del mondo che cosa sono, davvero, le Dolomiti. 
 
Scopriamo insieme Lonely Planet Dolomiti a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo. Venerdì 16 febbraio 2018. Ore 18, Palazzo delle Poste. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
07/02/2018

CHIARA BARZINI

I 90s sono stati un periodo tutt’altro che placido per gli States. L’epoca del grunge dei Nirvana, del noise di Sonic Youth e dei rave, delle serie tv adolescenziali, dell’esplosione di Mtv che decadeva nei libri di Bret Easton Ellis e David Foster Wallace. Un vero terremoto. Come quello che capita a Eugenia, che si catapulta, adolescente romana, in una zona decisamente ruvida di Los Angeles, agli inizi degli anni ’90. Attraverso i suoi occhi vediamo accumularsi l’amore, la droga e gli eccessi, le amicizie travolgenti e delicate, l’affiorare di una coscienza politica. E poi Los Angeles con una natura selvaggia che affiora dai marciapiedi, dalla terra che trema. E come un rombo di un aereo intercontinentale, la coscienza di Eugenia sgretola impietosamente il falso mito di un’America idealizzata, dove tutto è in vendita.
 
Chiara Barzini è una scrittrice e sceneggiatrice italiana di 38 anni. Ha vissuto e studiato negli Stati Uniti. Si è laureata in Letteratura e scrittura creativa alla UCSC. Ha collaborato con varie riviste tra cui "Vogue", "The Village Voice", "Interview Magazine", "Harper's" e "Rolling Stone", e in Italia "la Repubblica XL", "Vanity Fair", "GQ" e "Rolling Stone Italia".
 
L'incontro con Chiara Barzini a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per sabato 17 febbraio 2018. Ore 18, Palazzo delle Poste. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
03/02/2018

ALDO CAZZULLO

Aldo Cazzullo si rivolge ai figli e a tutti i ragazzi: li invita a non confondere la vita virtuale con quella reale, a non rinunciare ai libri, al cinema, ai concerti, al teatro; e soprattutto a salvare i rapporti umani, la gioia della conversazione vera e non attraverso le chat e le faccine. Francesco e Rossana rispondono spiegando al padre e a tutti gli adulti il rapporto della loro generazione con il telefonino e la rete. Che consente di vivere una vita più ricca, di conoscere persone nuove, di leggere i classici. Ne nasce un dialogo sui rischi e sulle opportunità del nostro tempo, la cattiveria online, gli youtuber, i cyberbulli, gli idoli del web, i padroni delle anime da Facebook ad Amazon, l’educazione sentimentale affidata a YouPorn, la distruzione dei posti di lavoro, i nuovi politici da Trump a Grillo, sino all’uomo artificiale; ma anche le possibilità dei social, i nonni che imparano a usare le chat per parlare coi nipoti, la rivolta contro le dittature, la nascita di una gioventù globale unita dalla rete.
 
Aldo Cazzullo, autore di Metti via quel cellulare (Mondadori), sarà a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo sabato 10 febbraio 2018. Ore 18, Miramonti Majestic Grand Hotel. Ingresso libero.
21/01/2018

MASSIMO BUBOLA

È il 28 ottobre 1921. Siamo nella basilica di Aquileia. Gli occhi di tutti sono rivolti alle undici bare al centro della navata, e alla donna che le fronteggia: Maria Bergamas. Maria deve scegliere il feretro che verrà tumulato nel monumento al Milite Ignoto, simbolo di tutti i soldati italiani caduti durante la Grande Guerra. Maria passa davanti a ogni bara, e ognuna le racconta una storia. Sono vicende di giovani uomini, strappati alle loro famiglie, ai loro amori, ai loro lavori, finiti in una guerra durissima e feroce. Contadini e cittadini, borghesi e proletari, braccianti e maestri elementari, fornai, minatori, falegnami, muratori, veterinari e seminaristi. Attraverso le voci di questi soldati, raccolte in Ballata senza nome (Frassinelli), riviviamo i momenti cruciali della Grande Guerra, ci caliamo nelle vite dei protagonisti, e riscopriamo un'Italia che oggi si può dire definitivamente scomparsa. Massimo Bubola, in una ballata unica, con le sue eccezionali doti di musicista fa rinascere parole dimenticate, le armonizza e le «mette in musica».
 
Massimo Bubola è nome di culto della musica d'autore italiana. Poeta, musicista, scrittore. Ha al suo attivo venti album. Con Fabrizio De André scrive e compone storici album come Rimini e L'Indiano, brani come Fiume Sand Creek, Rimini, Sally, Andrea, Volta la carta, Franziska, Canto del servo pastore, e firma altre grandi canzoni popolari come Il cielo d'Irlanda. 
 
L'incontro con Massimo Bubola a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo è per venerdì 9 febbraio 2018. Ore 18, Miramonti Majestic Grand Hotel. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
21/01/2018

PAOLO MIELI

Mai come oggi la politica italiana sembra in preda a una paralisi. Da anni i partiti sono impegnati in una continua campagna elettorale, nel nome di un’eterna emergenza. Questa incapacità di educarsi all’alternanza sembra ai più una degenerazione della buona politica, il frutto avvelenato degli ultimi decenni. Ma forse esiste un male originario della politica italiana. Paolo Mieli ripercorre la vita del nostro Paese attraverso una serie di storie – i primi anni del Regno, la Grande Guerra, il fascismo, politici del dopoguerra come De Gasperi, La Malfa, Nenni, vicende oscure quali il golpe del generale De Lorenzo o il dirottamento dell’Achille Lauro – che contribuiscono a disegnare un ritratto dell’Italia e della sua politica molto spesso diverso dalla storia ufficiale. 
 
Paolo Mieli, autore di In guerra con il passato (Rizzoli), sarà a Una Montagna di Libri Cortina d'Ampezzo sabato 3 febbraio 2018. Ore 18, Miramonti Majestic Grand Hotel. Ingresso libero.
15/01/2018

LA POLIZIA DEI CITTADINI

Formatasi nei cinquant’anni dello Stato liberale, la Polizia italiana ha cercato fin dall'inizio di far dimenticare al popolo le “reminiscenze di governi dispotici e di atti odiosi” dell’Antico Regime, mostrando come gli abusi ormai fossero eccezioni. Centocinquant’anni dopo, la Polizia italiana si ritrova di fronte a sfide nuove, ma principi che la animano restano gli stessi. A raccontarci la sfida di progresso che continua a interessare una polizia davvero “dei cittadini”, presidio di democrazia in un tempo difficile è, a Cortina, colui che la guida: Franco Gabrielli. Che rilegge il manuale del buon funzionario di polizia di allora guardando ai problemi di oggi, tra migrazioni di massa, il risorgere di tribalismi e il dialogo necessario ma complesso con le forze di sicurezza degli altri paesi europei. Un'intervista al capo della Polizia italiana curata da Francesco Chiamulera.
 
L’appuntamento con Franco Gabrielli è per venerdì 2 febbraio, ore 15.30, a Cortina d’Ampezzo.